martedì 26 settembre 2017

Caponata di melanzane


Con le ultime melanzane del mio orticello, oggi ho cucinato la mia adorata caponata.
La ricetta viene da una cara amica che ha la fortuna di avere una nonna siciliana e pure appassionata di cucina.
Ho controllato questa formula magica con le ricette, ed effettivamente è un po' diversa, in pratica cuoce separatamente e poi condisce tutto assieme, altri invece uniscono il tutto e poi cuociono qualche minuto per insaporire. Non penso cambi molto, ma è importante il riposo per questa ricetta, almeno 4 ore, meglio se 1 notte.
Importante è anche la temperatura, consumarla a temperatura ambiente si riesce ad assaporarla al meglio, sentire i profumi e i sapori nella loro interezza! Buona degustazione!




Ingredienti per 4 persone

4 melanzane
5 canne di sedano
1 cipolla grande
6 cucchiai di passata di pomodoro
2 cucchiai di olive verdi schiacciate
50 ml di aceto di mele
2 cucchiai di zucchero
500ml di olio di semi per friggere
5 cucchiaio di olio evo
sale

Tagliare a cubotti le melanzane, posizionarle in uno scolapasta e cospargerle di sale fino, mettere un peso sopra e attendere almeno 30 minuti, in modo da togliere l'acqua di vegetazione e il sapore amaro (soprattutto a fine stagione, come in questo periodo, questa operazione è necessaria).

Sciacquarle, asciugarle con carta assorbente e friggere in olio di semi ben caldo per qualche minuto, scolarle e lasciarle asciugare su carta assorbente.

Tagliare a rondelle il sedano, tenendo da parte qualche fogliolina tenera, scottare per qualche minuto in acqua bollente, scolare e tenere a parte.

In una larga padella scaldare l'olio evo, soffriggere la cipolla affettata, unire la passata, aggiustare di sale, unire lo zucchero e l'aceto. Lasciare evaporare per qualche minuto a fuoco alto poi aggiungere un bicchiere di acqua e far cuocere per una trentina di minuti a fuoco basso.

In una insalatiera unire le melanzane fritte, il sedano le olive, condire con la salsa di pomodoro agrodolce, mescolare bene e attendere almeno 4 ore prima di consumarlo a temperatura ambiente.
E' possibile decorarlo con foglie di sedano o anche di basilico.

lunedì 25 settembre 2017

Cous cous alle verdure



Oggi a Light and Tasty parliamo di COUS COUS!
Che cosa è il cous cous?
Il couscous ( mi accorgo solo ora che più spesso è scritto tutto attaccato!) è un piatto tipico del Nord Africa e grazie alle invasioni anche nella Sicilia occidentale.
Viene ottenuto dal Triticum durum  (varietà di grano duro) macinato in piccoli chicchi e cotto a vapore.
Le proprietà nutrizionali sono quindi simili alla pasta, ottenuta dallo stesso tipo di grano, ma poichè tende ad assorbire un quantitativo di acqua maggiore risulta più saziante e quindi adatto alle diete ipocaloriche.
Il suo grande pregio è quello di essere veloce da preparare e molto versatile, ideale nella preparazione dei primi piatti sia con carne che con pesce, ma anche per i dolci e come base di torte salate e dolci.




Ma vediamo come è stato interpretato dal nostro gruppo:

Ingredienti per 4 persone

280g di cous cous
320ml di acqua
3 cucchiai di olio evo

Sugo di verdure
1 peperone giallo
1 peperone rosso
1 cipolla rossa
1 carota
1 zucchina
1 melanzana
2 cucchiai di passata di pomodoro
2 cucchiai di olio evo
sale e pepe

Salsa al pomodoro
4 cucchiai di passata di pomodoro
4 cucchiai di olio evo
1 spicchio di aglio
1/2 cipolla piccola
acqua q.b.
sale

Preparare la salsa di pomodoro: scaldare l'olio con lo spicchio di aglio e la mezza cipolla (non affettata), quando iniziano a colorarsi, toglierli, aggiungere la passata di pomodoro e 1 bicchiere di acqua, lasciare sobbollire per circa 30 minuti. Salare.

Preparare il sugo: tagliare a piccoli cubetti regolari le verdure. Scaldare l'olio, unire la cipolla affettata, dopo qualche minuti unire le carote e dopo qualche minuto tutte le altre.
Allungare con la passata, aggiustare di sale e pepe, e se ci fosse l'esigenza mezzo bicchiere di acqua, cuocere circa 15 minuti.

Nel frattempo preparare il cous cous, come descritto sulla confezione, nel mio caso scaldare acqua salata, quando bolle unire olio, spegnere aggiungere il cous cous, sgranare con una forchetta in modo da evitare la formazione di grumi, mettere coperchio e lasciare riposare 5 minuti.

Servire il cous cous con il sugo di verdure al centro e la salsa di pomodoro a lato in modo da poter condire ulteriormente, a piacere.

Ecco le altre proposte:

Cous cous di fregola pesce e ceci  di Carla Emilia

Cous cous dolce con frutti di bosco di Daniela

Cous cous pollo ed ortaggi a vapore di Eva

Cous cous con gamberi al limone di  Maria Grazia

Cannoli di cous cous con zucchine e gamberi di  Milena

Cous cous speziato al sapore della Riviera Ligure di Simona

venerdì 22 settembre 2017

Confettura di pomodori rossi e vaniglia


Inizio ad apprezzare i lavoretti agricoli, ho un orto circa 25mq,e quest'anno è stato veramente molto produttivo, melanzane, peperoni, pomodori in abbondanza, qualche fagiolino e peperoncino piccante.
Ora i pomodori iniziano ad essere spogli e così ho fatto l'ultimo abbondante raccolto.
Mi ritrovo con pomodori da consumare, così sto cercando conserve particolari da provare .
Questa l'avevo in lista da diverso tempo, è stata quella a cui ho dato la precedenza ed effettivamente mi ha soddisfatto alla grande. Vi assicuro piace anche agli scettici (in casa ne avevo parecchi), naturalmente se non sanno che è di pomodori, tutti pensano sia alle fragole!
Quindi provatela sono sicura che sarà un successo!
L'ho preparata con il bimby, ma è possibile anche in pentola. Ho preferito frullare la polpa in modo da ottenere pezzetti piccoli, ma se preferite potete frullare completamente se volete una confettura più omogenea.
Ho utilizzato la pectina, se siete contrari potete affidarvi alle mele renette, un paio grattugiate, possono supplire egregiamente.
Ah, dimenticavo di dirvi che è utilizzabile sia per i dolci sia per formaggi... quindi motivo in più!






Ingredienti

2 kg di pomodori cuore di bue
che poi diventano:
1 kg di polpa senza buccia e senza semi

350g di zucchero

1/2 limone (solo succo)

1 bacca di vaniglia (solo semini)

pectina (1 busta di fruttapec 3:1)






Spellare i pomodori,  togliere i semi e l'acqua (il più possibile).

Inserire nel boccale bimby, azionare a vel 4 per 10-15 sec, aggiungere lo zucchero e la pectina.
Impostare a 100°C per 30 minuti.

Unire il succo di limone  e impostare il varoma  per altri 30 -40 minuti.

Fare la prova piattino (mettere mezzo cucchiaino ad un lato del piatto, lasciare raffreddare e poi inclinare, in modo da valutarne la densità).
Potrebbero volerci altri minuti, dipende da quanta acqua di vegetazione è presente nel pomodoro (questo dipende dalla varietà e dal grado di maturazione).

Quando ha raggiunto la consistenza giusta, unire i semi di vaniglia e poi  mettere in vasetti sterilizzati, quando è ancora ben calda.

Chiudere con un tappo nuovo e girare sotto sopra, dopo 10 minuti rigirare.

Lasciare raffreddare prima di mettere in dispensa.

Nota: Per sterilizzare i vasetti consiglio un passaggio in microonde per 5 minuti (faccio due vasetti per volta) a 900watt , dopo aver inserito 100ml di acqua.

mercoledì 20 settembre 2017

Mele cotte con miele, amaretti e cannella




La mela è stato considerato da tutti il frutto per eccellenza; sempre presente sulla mia tavola da quando ero piccola,  la mela grattugiata con limone e biscotti era una merenda speciale , molto gettonata anche la torta di mele, di cui esistono tante di quelle varianti da riempire un tomo gigantesco!
Quando ero piccola ricordo che si andava ad acquistarle nell'Oltrepò Pavese, sopra S.Maria della Versa, facevamo man bassa,  delicius rosse e gialle, stayman, renette, varie cassette che venivano conservate in garage  e consumate durante l'inverno in base alla varietà e alla sua durata, le ricordo con un gusto speciale!
Ora arrivano dal Trentino e dall'Alto Adige, le varietà e la scelta sono infinite, purtroppo hanno soppiantato questi piccoli produttori locali, ma per fortuna la qualità è ancora alta!
Sono molto versatili, utilizzabili sia in piatti salati sia dolci, ma se vogliamo gustare appieno il gusto è meglio non aggiungere troppi ingredienti.
In autunno/inverno è piacevole cuocerle, emanano un profumo delizioso durante la cottura e vale la pena prepararle anche solo per il quello, tanto poi di avventori se ne trovano sempre!
Ecco la mia versione di mele cotte, che sono sempre state cotte al forno, ma da quando ho acquistato la slow cooker (una pentola elettrica che cuoce a bassa temperatura) ne ho rivisto la ricetta.

Ve la propongo in questa giornata all'insegna della Mela, che viene onorata proprio oggi dal Calendario del Cibo Italiano.








Ingredienti

8 mele

8 amaretti

8 cucchiaini di miele

1/2 bicchiere di vino bianco

cannella




Lavare accuratamente le mele ed asciugarle. Togliere da ognuna il torsolo con l'apposito attrezzo, colmare il foro con  un amaretto sbriciolato e un cucchiaino di miele.

Posizionare tutte le mele nella slow cooker, versare il vino e coprire con il coperchio
Accendere l'apparecchio a bassa temperatura ed impostare 3 ore (a mio gusto).
Valutare la cottura dal coperchio a vetro e decidere in base al proprio gusto (si possono lasciare croccanti, in questo caso si può diminuire il tempo), in ogni caso è possibile con uno stecchino valutare la cottura.

Servire con una spolverata di cannella in polvere dopo aver bagnato la superficie con il sughetto formatosi in cottura, che può essere ristretto sul fuoco se fosse troppo liquido (infatti tutto dipende dal tipo di mele utilizzate e dalla quantità di pectina presente nella varietà scelta).
Sono ottime anche con una pallina di gelato alla vaniglia e/o panna montata.

Questa ricetta partecipa al Calendario del Cibo Italiano